Tu chiamale, se vuoi, relazioni

*
Sabato sera, cena con amici.
– Hai poi messo l’ADSL?
– No, non ne sentiamo più di tanto il bisogno, di internet…
E si inizia a parlare del simpatico mondo della rete. Si va dal come si può usare il mezzo, dal tempo che ruba/occupa, sino a coloro che sembrano esserne dipendenti. In breve il tema diventa: ma sono relazioni quelle intrattenute con gli altri internauti? Va detto che la coppia è gente per bene, impiegati in banca, timorati di Dio, impegnati in paese.
Tiro fuori la mia esperienza, soprattutto dal 2002 in poi, col bloghetto. Loro partono da un presupposto molto chiaro: senza contatto “fisico”, nel senso della presenza contigua dei corpi, non si può definire “vera relazione”. Dopo un’oretta conveniamo che:
– ci sono diversi tipi di relazione. Come nessuno si sogna di negare che una bella telefonata con un amico la si possa definire “un momento di relazione” forse è così anche per i rapporti nel web (si tende soprattutto a riflettere su blog, facebook, twitter, friendfeed…). Forse i rapporti, le relazioni che si creano con frequentazioni, negli anni e con i diversi mezzi, sono appunto “vere”, soprattutto se tendono ad un incontro.
– bisogna considerare anche il peso, la densità delle relazioni (“profonditàpare non sia più bello da dire). Alle tante mezz’ore passate a sentir parlare di tempo, calcio, strade o piene o vuote mentre aspettavo il ragazzo al calcio mi sento di considerare più densi i tanti scambi avvenuti, negli ultimi anni, con diverse persone conosciute qua in giro (alcune fortunatamente anche poi incontrate).

Non c’era da convincere nessuno, siamo amici, però m’è parso di averli visti andar via con qualche dubbio in più sul significato di relazione.

* Mi piace tantissimo lo stile di Matteo Bordone di mettere un’immagine “allegorica” all’inizio del post. Cioè: penso io che sia allegorica, dato che non capisco mai a cosa si riferisca, spesso nemmeno cosa esattamente sia quell’immagine. Così ho pensato, per i miei post, di utilizzare questo sistema: una ricerca di immagini con il termine più significativo (o ricorrente) del post e poi scelgo il jpg che più mi piace o che ci intravvedo un’analogia (voi ne cogliete qualcuna in questa qua, ad esempio?). Tanto son convinto che il Bordone fa lo stesso.

6 thoughts on “Tu chiamale, se vuoi, relazioni

  1. bella la disquisizione sulle relazioni. Per quel che riguarda le immagini… non per dire ma è quello che faccio io da sempre nel mio bloghetto. Ma si sà… alla fine chi sono io per insegare qualcosa?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...