Un veronese su tre ce l’ha piccolo

Ho tre ex compagni di scuola veronesi. Uno di loro ci ha sempre confessato di avere un pene di dimensioni veramente ridotte (oltre ad avere una palla in più, ma di modeste dimensioni). Posso quindi dire con tranquillità che un veronese su tre ce la piccolo.
No?
Ricorderete, forse, che qualche giorno fa, in tutti i TG e giornali, ci è stata propinata la manfrina dell’esperimento di controllo dei guidatori, di sera, nel veronese con l’eclatante risultato di aver beccato un guidatore su due bevuto o drogato. Avrete poi visto, ad esempio su Manteblog, il rimbalzo dell’approndimento sulla veridicità della notizia, tipo quello di uno dei blog dell’Espresso. Quindi se loro fanno le statistiche così, la mia non è poi malaccio.
Si scherza, dici, e pensi: ecchecazzo, avranno capito quelli dell’informazione granda che hanno calcato un po’ troppo la mano, dai. Il Giovanardi nazionale era là con il responsabile del progetto (lo conosco perché ci ho lavorato insieme, con quel dottore, l’avrete certamento visto nei servizi TV) certamente si sarà indignato di una tale distorsione della notizia, dai.
Invece.
Invece oggi, ad “Insieme sul due” (Rai 2,) presente il sior Ministro Giovanardi, Mino Infante si straccia le vesti sui dati ricicciati di un
guidatore su due, di quelli fermati, che aveva bevuto troppo o era drogato.
L’aveva pronosticato per difetto anche Gilioli, del blog succitato:

Si accettano scommesse, tuttavia, sul fatto che la notizia rimane e rimarrà, nella coscienza dei più così come nelle infinite discussioni radiofoniche o televisive in merito, quella secondo cui il sabato sera in Italia un automobilista su due o è sbronzo o è fatto. Amen.

Altro che ricordare, si riprone, alla grande.
Delle due l’una: o nessuno legge i blog (però l’Espresso non è mica una robetta di quartiere, con blogghetti diaristici adolescenziali) o non gliene frega un cazzo di continuare a brandire questa puttanata perché segue un preciso copione. Non occorre essere complottisti per propendere per la seconda. In compenso si ha la certezza di chi mente sapendo di mentire.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...